Quelli di Primola

Primola nasce all’inizio dell’estate del 2000.
Primola chì è? Un fiore, forse?

Siamo un’associazione culturale creata da un gruppo, con esperienze e storie diverse, che viaggia tra il teatro e la poesia, la musica e il cinema, la letteratura e l'arte, tra il comico e l’impegnato.

Sentiamo il calore della nostra terra, ma ascoltiamo il vento del mondo; siamo cresciuti con le comunità che abbiamo incontrato.

Abbiamo percorso il nostro fiume (il Senio) in tanti modi: a piedi, in bicicletta, nel greto, e abbiamo lasciato qualcosa in tutti i paesi attraversati, da Palazzuolo fino ad Alfonsine.

Lungo il fiume - il nostro proscenio ideale - abbiamo promosso molte delle nostre iniziative estive.

Ci piace sostenere anche le idee degli altri, se ci emozionano. Naturalmente il sostegno, la partecipazione, l'affetto degli iscritti e degli amici è fondamentale per la nostra vita.

Noi camminiamo lenti e ci pensiamo a ogni passo

Abbiamo adottato e scritto nella tessera di Primola una storia cinese con cui Italo Calvino chiude la sua lezione sulla rapidità in "Lezioni americane".

È un po' il nostro motto a cui ci ispiriamo, sorridendo.

Scrive Calvino:
"il lavoro dello scrittore deve tener conto di tempi diversi: il tempo di Mercurio e il tempo di Vulcano, un messaggio d'immediatezza ottenuto a forza di aggiustamenti pazienti e meticolosi; un'intuizione istantanea che appena formulata assume la definitività di ciò che non poteva essere altrimenti; ma anche il tempo che scorre senza altro intento che lasciare che i sentimenti e i pensieri si sedimentano, maturino, si distacchino da ogni impazienza e da ogni contingenza effimera.

La storia cinese.

Tra le molte virtù di Chuang - Tzu c’era l’abilità nel disegno. Il re gli chiese il disegno di un granchio. Chuang-Tzu disse che aveva bisogno di cinque anni di tempo e di una villa con dodici servitori. Dopo cinque anni il disegno non era ancora cominciato.
“Ho bisogno di altre cinque anni” disse Chuang-Tzu. Il re glieli accordò.
Allo scadere dei dieci anni, Chuang-Tzu prese il pennello e in un istante, con un solo gesto, disegnò un granchio, il più perfetto granchio che si fosse mai visto.

I titoli delle iniziative dal 2001 al 2009

Camminando con la pace

  • Quando ad un paese gli ritorna la memoria – 2002: dalle testimonianze dei cotignolesi racconti teatrali e installazioni nei luoghi e nelle strade dell'ultima guerra.
  • Ricordando la notte del 9 aprile. 2005: un racconto teatrale nella piazza.
  • Nel Senio della memoria. La pace cammina lungo il fiume. Una camminata da Cotignola ad Alfonsine per raccontare la guerra del 1944/45. A partire dal 2004, la camminata è stata effettuata in ogni anno.

In viaggio con lo scrittore

  • Eraldo Baldini - 2001: da Casa Varoli fino al Parco del Delta. Viaggio in Romagna: terra, acqua e fantasia.
  • Tonino Guerra - 2002: Pennabilli.
  • La Valmarecchia di Tonino Guerra: paesaggi e luoghi proposti dal poeta.
  • Davide Bregola - 2003: da Ferrara a San Benedetto Po (In un treno speciale prenotato da Primola).
  • In treno lungo il Po: racconti, paesaggi e scrittori che nascono dal Po.
  • Cristiano Cavina - 2007: Casola Valsenio.
  • Nel paese di Tolintesac, dove i vecchi non muoiono.
  • Diego Marani - 2008: Tresigallo.
  • I miraggi di Tresigallo.

Gli scrittori e il teatro nel fiume Senio a Cotignola

  • Zinzel – 2001: Golena Bandoli (Belle Bandiere).
  • A veglia con il fulesta – 2002: Golena Bandoli (Sergio Diotti e Pepe Medri).
  • Il racconto delle nuvole vaganti – 2004: Golena Bandoli (Zero Beat).
  • Fricandò - 2004 (Paolo Parmiani).
  • Sulle ali del Senio, prova di volo muscolare - 2004 (Luigi Berardi).
  • Se Casola è una favola Mongardino è un sogno (Ogni anno dal 2002 al 2005).
  • Teatro da mangiare – 2004: spettacolo teatrale della compagnia di attori-contadini (Teatro delle Ariette).
  • Per non perdere il Senio - 2005: itinerari musicali e teatrali notturni lungo l’argine sinistro del fiume Senio.
  • Notturno sul fiume: memorie fluvianti – 2007: percorso sensoriale tra il CER e il Senio.
  • Quando il vento tira dalla parte sbagliata: quell’estate di sangue e paura - 2008 (Eraldo Baldini).
  • Ignorati e ignoranti - 2008 (Eros Drusiani).

Casa Belvedere

  • Cinema d'estate, spettacoli e concerti estivi – Dal 2002 ogni anno (Pneumatica Emiliano Romagnolo, Umannaccide, Carampana, Rita Pelusio, Stefano Dal Fiume).

 

Viaggi geopoetici in bicicletta o a piedi

  • Improvvisamente, durante il viaggio, il Senio iniziò il suo racconto - 2002: una camminata di tre giorni da Cotignola a Palazzuolo sul Senio, lungo il corso del fiume.
  • Ville venete e paesaggi in bicicletta – 2004: Vicenza e dintorni.
  • Carraie, canali e case abbandonate – 2004: un percorso in bicicletta nella campagna della Bassa Romagna con spettacoli nei casoni dei contadini.
  • Treviso e il fiume Sile in bicicletta (2006).
  • Camminata con Mozart – 2006: con un quartetto di archi, siamo saliti a piedi da Marzeno fino a Ceparano e lì abbiamo tenuto un concerto di Mozart.
  • Al Lido di Venezia in bicicletta passando per i “murazzi” e l’isola di Pellestrina (2006).
  • Da Pisa a Lucca in bicicletta (2007). Da Sabbioneta a Mantova (2008).
  • Porto Venere e le Cinque Terre, secondo le nostre vibrazioni (2008).

 Arte e musica

  • Collaborazione a “Selvatico”, mostre di arte contemporanea (dal 2006 al 2009).
  • Saluti da Cotignola – 2004: mostre e performance artistiche in vari spazi di Cotignola.
  • In viaggio con Massimiliano Fabbri negli atelier artistici del riminese (2006).

A Casa Varoli

  • Guida all’ascolto alla musica classica:
  • Sst, silenzio! Musica classica. Sette incontri per imparare ad ascoltare la musica classica: Vivaldi, Bach, Haendel, Haydin, Mozart, (2005).
  • SSS, silenzio! Il classicismo musicale. Cinque iincontri: Mozart, Von Weber, Bethoven, Paganini (2006)
  • Cicli di gruppi di lettura e incontri letterari con autori. Il piacere di leggere un romanzo e il piacere di parlarne insieme (2004/2005/2006)

Cinema nelle case e a teatro

  • Cinema nelle case e corti d'autore. Ogni estate dal 2005: proiezioni di film, ospitati nel giardino delle case di proprietà privata durante l’estate. In inverno la rassegna si tiene al Teatro Binario, tra febbraio e marzo (dal 2005).

Spettacoli teatrali prodotti

  • Rifugi – 2002: Chiesa del Suffragio di Cotignola.
  • L’olocausto di Arlecchino. L’ultimo giorno di vita di Primo Levi – 2003: Chiesa del Suffragio di Cotignola
  • Un’eroica giornata di fine era - 2004: Teatro Modernissimo.

Videodocumentari e pubblicazioni

  • Avleva ciacaré dla gvëra – 2002: 28 interviste di Cotignolesi che hanno vissuto durante il periodo del fronte a Cotignola.
  • La diva, il paese e la villa del Francese – 2006: interviste a Cotignolesi, per raccontare la vicenda di un paese che visse l'incontro con Sophia Loren nel 1961 quando la diva soggiornò per un mese in Cotignola nella Villa del Francese. Regia di Fausto Pullano.
  • Venite fuori che la guerra è finita. Immagini e vicende di Cotignola dagli anni 30 – 2005: un reportage dal fronte a 60 anni dalla Liberazione
  • Centoquaratancinque giorni. Sul fronte di Cotignola dal 17 novembre 1944 al 10 aprile 1945 - 2003 (Giordano Dalmonte).
  • Un cotignolese a Parigi. Libro fotografico sugli anni cinquanta del San Francisco di Parigi e il mese della Sophia Loren nella Villa del Francese.